L’evoluzione della TAC al servizio del tuo sorriso

Il Cone Beam è una nuova apparecchiatura utilizzata in campo odontoiatrico per scansioni in 3D ad alta risoluzione, in un tempo ridotto ed a bassa dose di radiazioni. Le immagini così acquisite permettono a medici e a odontoiatri di visualizzare rapidamente denti ed ossa facciali facilitando la diagnosi e migliorando così programmazione e precisione degli atti chirurgici.

€ 80,00

Per Informazioni

Tel.: 06.9596478  – Email: info@ecomedicaonline.it

Largo Fantozzi, 7 – Valmontone (RM)

Il Cone Beam è una nuova apparecchiatura utilizzata in campo odontoiatrico per scansioni in 3D ad alta risoluzione, in un tempo ridotto ed a bassa dose di radiazioni.

Le immagini così acquisite permettono a medici e a odontoiatri di visualizzare rapidamente denti ed ossa facciali facilitando la diagnosi e migliorando così programmazione e precisione degli atti chirurgici.

Il software proprietario, a differenza dei comuni software Dentascan, consente di trattare i dati operando attivamente su tutto il volume acquisito che può essere sezionato in 3D consentendo ricostruzioni secondo il piano anatomico ottimale per ciascuna delle strutture di interesse.

Nella moderna terapia implanto-protesica, l’esame radiologico è fondamentale perché è l’unica indagine che permette di studiare bene le ossa mascellari del paziente per inserire in maniera corretta gli impianti dentari ed i moderni protocolli implantologici. Il paziente, dopo esami di primo livello bidimensionali come ad esempio la ortopantomografia, esegue una Cone Beam che permette di studiare tridimensionalmente l’anatomia ossea della bocca del paziente.

L’esame consente inoltre di visualizzare le strutture nervose (nervo alveolare inferiore), le vie aeree ed i seni paranasali.

Oggi l’esame T.C. Cone Beam rappresenta quindi il gold standard degli esami radiologici in odontoiatria essendo un esame completo, dal costo contenuto, rapido nell’esecuzione e più rispettoso della biologia.

INDICAZIONI

  • Scenario preimplantare
  • Turbe della dentizione e degli ottavi malposti e/o ritenuti
  • Flogosi periodontali circoscritte o diffuse
  • Lesioni cistiche e similcistiche
  • Displasie osteo-fibro-cementizie e delle formazioni addensanti in genere
  • ATM
  • Seni paranasali, anche in previsione di interventi di rialzo del pavimento del seno mascellare

SINTESI DEI PUNTI DI FORZA

  • 80% di radiazioni in meno rispetto al classico Dental Scan
  • Comfort migliore per il paziente
  • Miglior dettaglio dello studio e quindi migliori cure
  • Possibilità di elaborazione di immagini (variazioni della luminosità e del contrasto, ingrandimento per lo studio dei dettagli, misure di distanza e di densità, etc.)
  • Possibilità di visualizzare le strutture nervose (nervo alveolare inferiore), le vie aeree ed i seni paranasali.
  • Archiviazione digitale delle immagini, recuperabili anche a distanza di tempo
  • Stampa in più copie ed archiviazione su CD