Tomosintesi

Presso il nostro centro di senologia è stato installato un mammografo di ultima generazione con tecnologia all’avanguardia, che consente di effettuare l’esame mammografico con tecnica digitale diretta e con Tomosintesi.

Quest’ultima applicazione consente di acquisire le immagini del seno da diverse angolazioni; le immagini stratificate sono ricostruite con spessore millimetrico in visualizzazione tridimensionale.

La mammografia digitale diretta ha sicuramente migliorato la sensibilità della metodica in particolare in presenza di mammelle dense nelle quali con la mammografia tradizionale il numero di tumori non rilevabili è ancora elevato.

La Tomosintesi aumenta la specificità, consente un miglioramento dei contrasti e quindi una ricerca del tumore al seno sempre più precoce.

Inoltre i tempi di esposizione e le dosi di radiazioni sono ridotte a fronte di un incremento di contrasto delle immagini.

Secondo le ricerche più recenti la mammografia digitale con Tomosintesi è lo strumento migliore per individuare la presenza di patologie a carico del seno nelle donne con meno di 50 anni e in quelle che si trovano in premenopausa. La mammografia convenzionale prevede la riproduzione dell’immagine del seno direttamente su pellicola. Nella mammografia digitale invece un dispositivo assorbe i raggi-X trasmessi attraverso la mammella e li converte in segnali elettronici che sono poi a loro volta trasformati in un’immagine elettronica che viene archiviata su computer. Il radiologo può quindi elaborare l’immagine utilizzando software specifici che aiutano l’individuazione di eventuali anomalie. In termini generali, entrambi i metodi d’indagine si sono rivelati efficaci nell’individuazione di tumori al seno. Tuttavia, la mammografia digitale è stata nettamente più precisa nell’individuare anomalie nelle donne di età inferiore ai 50 anni, in premenopausa e in quelle con il tessuto del seno più denso.

Associando alla mammografia digitale la tomosintesi si possono risolvere i casi in cui a causa di una sovrapposizione di tessuti, la lesione risulta essere nascosta. L’esame assolve egregiamente al compito ed è stato pensato per aiutare nella diagnosi in modo che ogni singolo strato da 1 mm visualizzato fornisca il massimo di informazioni.

La tomosintesi permette quindi:

  • Risoluzione dei casi in cui a causa di una sovrapposizione di tessuti, la lesione risulta essere nascosta
  • Dosi di raggi rilasciate ad ogni esposizione più bassa.
  • Un’ angolo di scansione ampio (40°) per una visione ottimale 3D.
  • Nel nostro apparecchio tomosintesi e mammografia non sono più distinte, ma combinate nella stessa scansione e ricostruzione due risultati con un’unica esposizione.

Percorso Senologico Integrato:

VISITA
ECOGRAFIA
MAMMOGRAFIA 3D CON TOMOSINTESI

Il percorso verrà seguito dal Team di Senologi della BREAST UNIT dell’Azienda Ospedaliera San Camillo Forlanini di Roma

 

€ 160,00

Per Informazioni

Tel.: 06.9596478  – Email: info@ecomedicaonline.it

Largo Fantozzi, 7 – Valmontone (RM)