FKT - Fisioterapia - Osteopatia - Ecomedica

FKT - Fisioterapia - Osteopatia

La fisioterapia è l’insieme di azioni e tecniche con cui si va a riabilitare, cioè a recuperare le capacità perse a seguito di un trauma che è un qualsiasi evento che causa un danno ad un tessuto.

Lo scopo della fisioterapia, e delle sue tecniche, è quindi quello di guidare la guarigione dal trauma restituendo ai tessuti la possibilità di lavorare correttamente attraverso la riabilitazione, prevenendo quindi problemi altrove.
La riabilitazione avviene attraverso due attività fondamentali: il trattamento dei tessuti ed il trattamento delle funzioni del corpo.
Ogni tessuto può essere interessato da un trauma o da una patologia di tipo:

  • muscolare (strappi, stiramenti o contusioni);
  • fascio-connettivale (lesioni tendinee,
  • legamentose o capsulo-articolari);
  • osseo (fratture, protesi);
  • nervoso (intrappolamenti nervosi).


Con funzioni ci si riferisce ai grandi sistemi, composti da più parti che devono lavorare in modo coordinato ed armonico. Sono le funzioni cardio-circolatoria, respiratoria, linfatica, neurologica, posturale.

Da Ecomedica puoi sottoporti alle più evolute tecniche di fisioterapia.

Un percorso di riabilitazione di qualità è infatti dinamico in quanto bisogna scegliere ed adattare le tecniche del terapista allo stato di salute del paziente per arrivare a raggiungere il risultato ottimale. Ed ogni seduta sarà differente dalla precedente solo se sarà possibile praticare, come avviene da Ecomedica, tali tecniche per ogni tipo di trauma subìto!

Terapie e Servizi offerti

Osteopatia

L’Osteopatia si basa sul contatto manuale per la valutazione, la diagnosi ed il trattamento della persona.

È terapia manuale, incentrata sulla salute della persona piuttosto che sulla malattia; si avvale di un approccio causale e non sintomatico (spesso infatti la causa del dolore trova la sua locazione lontano dalla zona dolorosa), ricercando le alterazioni funzionali del corpo che portano al manifestarsi di segni e sintomi che possono poi sfociare in dolori di vario genere.

“La struttura determina la funzione ed esse sono in relazione reciproca”.
Questa definizione racchiude uno dei concetti cardine del pensiero filosofico osteopatico.

Traumi fisici ed emotivi, cicatrici, il mantenimento di posture lavorative errate e la ricerca di un adattamento posturale richiesto da altri sistemi possono essere il punto di partenza per la creazione di una disfunzione biomeccanica del sistema muscolo-scheletrico.Tali disfunzioni spesso creano sintomi a distanza dalla causa primaria.
Un’attenta valutazione del paziente, accompagnata da test specifici, permette di mettere in pratica un trattamento strutturale adeguato che consente al corpo di ritrovare le intrinseche capacità di compenso.

Il sistema viscerale comprende tutti i sistemi organici che sono presenti fra torace, addome e bacino (respiratorio, cardiovascolare, gastrointestinale ed urogenitale). Innervati dal sistema nervoso autonomo, spesso serviti e guidati sia dalle componenti ortosimpatiche che da quelle parasimpatiche. Il legame tra il sistema viscerale ed il sistema muscolo-scheletrico è dato dal saldo ed uniforme ” ancoraggio fasciale” esistente tra i due.

La valutazione del sistema viscerale, inserita nel contesto della valutazione globale, accompagnata da una attenta e scrupolosa anamnesi, permette di individuare e riportare in fisiologia la zona e/o l’organo in disfunzione. Spesso problematiche considerate meramente strutturali e biomeccaniche trovano una soluzione con un trattamento viscerale.

Il sistema cranio-sacrale è composto dalle ossa del neurocranio, dal complesso sacrococcigeo, dalle membrane intracraniche, dalle meningi, dalle ossa della faccia e dal liquido cefalo-rachidiano (liquor).

La fluttuazione del liquor nei tessuti assicura loro il ricambio metabolico nutrizionale. Una disfunzione di tale sistema è in grado di creare significativi disagi funzionali, compromettendo la salute dell’individuo in maniera anche importante, ed essere causa di disfunzioni sistematiche a volte rilevanti. Un sistema cranio-sacrale in salute assicura una corretta funzione neurovegetativa ed un buon livello di vitalità dell’individuo.

Il trattamento cranio-sacrale, grazie alla sua natura “delicata” è il trattamento elettivo per i lattanti ed i bambini.

Al momento della nascita la testa del neonato è sottoposta ad un certo quantitativo di pressione per poter passare nel canale del parto. La struttura si adatta a tale funzione essendo molto malleabile. L’incompletezza della formazione delle ossa craniche del neonato permette il passaggio nel canale del parto con una sovrapposizione delle ossa al momento della compressione, per poi “aprirsi” passato il canale, stimolando il pianto, necessario per la disostruzione delle vie aeree. Un parto prolungato, un mal posizionamento della presentazione nel piccolo bacino, manovre esterne di assistenza sottopongono la testa del neonato a tensioni importanti. A volte il risultato è la Plagiocefalia (anomalia nella forma o deformità del cranio) che, oltre all’evidenza, è causa di pianto eccessivo, disturbi gastrointestinali come coliche ricorrenti, torcicollo miogeno e rigurgito.

Quando il bambino cresce, insorgono altre condizioni: problemi di dentizione, otiti medie, faringiti.

Le correzioni, ora piuttosto usate, in ortodonzia correttiva trovano un valido alleato nel trattamento osteopatico craniale che è in grado di creare un libero movimento fisiologico all’interno del meccanismo da correggere, facilitando nei modi e nei tempi tale correzione.